Blog
20/08/2018

Il souvenir è un trofeo di viaggio

Portare a casa dei souvenir in ricordo di un’esperienza di viaggio vissuta è la cosa più normale e più usuale che ognuno di noi non manca di fare, una sorta di rito che si ripete ad ogni viaggio e che racconta, anche dopo la fine dell’esperienza, i luoghi dove abbiamo vissuto.

La parola souvenir, che proviene dal francese e significa appunto ricordo, viene utilizzata per indicare un oggetto legato ai luoghi visitati durante un viaggio. L’unicità del souvenir sta proprio in questo, nel diventare l’emblema dell’esperienza, anzi, per dirla meglio, il trofeo di viaggio!

Il souvenir è un messaggero

Del souvenir in realtà non importa né la qualità né la preziosità, e anche se si tratta di semplici oggetti di poco valore sono proprio questi a continuare il filo dell’esperienza vissuta e attraverso essi vengono narrati i luoghi attraversati durante il viaggio e le emozioni provate.

Il souvenir è quindi un vero e proprio messaggero, un oggetto che consente all’esperienza vissuta di trasferirsi nel luogo di ritorno, ridiventando presente vivo e sentito. La vista del souvenir risveglia infatti le emozioni vissute anche se appartengono al passato e assume i significati più profondi a seconda dei ricordi che emergono nella mente.

Testimone del viaggio

Ecco perché il souvenir è importante durante un’esperienza di viaggio, un vero trofeo che testimonia la visita in un luogo, qualcosa da esibire per mostrare di esserci veramente stati.

Il turista che acquista il souvenir lo fa quindi per portare con se una parte del luogo che sta visitando, per poterlo mettere a casa in bella mostra e ogni tanto rievocare i ricordi con nostalgia ed emozione.

Non importa se dalla visita è anche passato molto tempo, ogni qualvolta il souvenir diventa oggetto di un discorso i ricordi sono inevitabili e la narrazione diventa autentica e gloriosa.

Da donare agli altri

Il souvenir è anche qualcosa da regalare agli altri, agli amici, ai parenti, e anche in questo caso diventa emblematico, perché rappresenta una forma di testimonianza del proprio vissuto, un trofeo che si regala per dire “ero lì”.

Ecco perché in genere si regalano oggetti con simboli della città visitata, ad esempio per Roma è il Colosseo, per Venezia la Basilica di San Marco e così via. Spesso si tratta anche di oggetti di largo consumo, portachiavi, tiratappi, penne e altri piccoli accessori che vengono donati con piacere e vengono ricevuti con altrettanto piacere.

Scambio di souvenir

Nel souvenir donato rimane sempre qualcosa del donatore, una sorta di potere magico che cattura e fa ricordare sempre qualcosa a chi lo ha ricevuto e che fa scaturire l’obbligo di contraccambiare.

Ecco perché ci si sente obbligati a restituire il presente e alla prima occasione si riparte con lo stesso slancio regalando un souvenir, che a sua volta diventa anch’esso testimone dell’esperienza di viaggio.

Non c’è quindi alcun dubbio, i souvenir sono un trofeo importantissimo che non può mancare e acquistarli per se e per gli altri è anche una divertente esperienza di shopping!

0 commenti

Non ci sono ancora commenti su questo documento.

Commenta per primo Clicca qui.

 
Vi siete mai chiesti quali potessero essere le origini dell’arazzo e dell’arte che prevede l’utilizzo dei tessuti come elemento decorativo? Gli arazzi sono molto apprezzati da tantissimi estimatori, e possono...
 
Vi piacerebbe acquistare delle palle di Natale in ceramica, in modo da rendere davvero unico il vostro albero, ma non sapete a quale stile rivolgervi? Sappiate che esiste un luogo...
 
Città di arte e cultura per eccellenza, Firenze è ricca di tesori e meraviglie ed è impossibile tornare a casa senza aver acquistato alcuni souvenir come ricordo della vacanza trascorsa...
 
Portare a casa dei souvenir in ricordo di un’esperienza di viaggio vissuta è la cosa più normale e più usuale che ognuno di noi non manca di fare, una sorta...
 
Chi non ha mai ricevuto un souvenir nella propria vita? Esso è un regalo, più o meno gradito, che tutti si sono ritrovati in casa almeno una volta nella vita....
 
Tra i souvenir che si possono regalare, quelli che si possono anche acquistare per se stessi, spicca sicuramente l’arazzo. Questo è un oggetto forse non ancora molto diffuso, ma che...
 
Leone di San Marco – Venezia Per Leone di San Marco o Leone Marciano o Leone Alato si intende la rappresentazione simbolica dell’evangelista san Marco, raffigurato in forma di leone...
 
L’arazzo è una forma di arte tessile che si pone a metà strada tra l’artigianato e la rappresentazione artistica. Tecnicamente è un tessuto a dominante di trama (poiché a lavoro...
 
  La Pietà Bandini , Pietà Fiorentina, o del Duomo/dell’Opera del Duomo, è una scultura marmorea (h. 226 cm) di Michelangelo Buonarroti , databile al 1547-1555 circa e conservata nel Museo dell’Opera del Duomo...
 
                Le Cappelle Medicee sono ai nostri giorni un museo statale di Firenze e luogo di sepoltura della famiglia Medici, ricavato da alcune...
 
La fama di queste quattro imponenti statue (riproduzioni in vendita su Gingershoponline ) è dovuta soprattutto al suggestivo e potente stato incompiuto. I nomi delle quattro sculture vennero stabiliti solo nell’Ottocento,...
 
La statua della  Nike di Samotracia venne scolpita a Rodi in epoca ellenistica per commemorare la vittoria della lega delio-attica nella battaglia dell’Eurimedonte, in cui il re siriano Antioco III combatté contro un’alleanza...
 
La Pietà di Michelangelo è una scultura marmorea (altezza 174 cm, larghezza 195 cm, profondità 69 cm) di Michelangelo Buonarroti, databile al 1497-1499 e conservata nella basilica di San Pietro in Vaticano a...
 
Quando si viene a Firenze non mancano i posti da visitare. Uno di questi è sicuramente il giardino delle Rose. Il giardino delle Rose a Firenze è un parco nella...
 
Riassunto
 
Riassunto
 
Riassunto
 
Riassunto